Menu

Per appuntamenti: 0266989244

Prurito dopo depilazione laser: perché puoi sentirlo e come placarlo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
depilazione laser prurito dopo luce pulsata

Cosa fare in caso di prurito dopo la depilazione laser? Scopri, leggendo il nostro articolo, come è possibile placarlo.

Prurito dopo il laser: quando si presenta e perchè?

Vuoi sottoporti a un trattamento di epilazione laser ma hai paura degli effetti collaterali possibili? Infatti, avrai sicuramente sentito parlare o avrai letto sul web, che spesso dopo un trattamento di depilazione eseguita con il laser è possibile che la pelle diventi più sensibile e si soffra di un leggero prurito o fastidio nella zona trattata.

In realtà, ciò accade soprattutto nei casi in cui ci si rivolge a dei medici inesperti e improvisati. Essendo la tecnologia laser uno strumento potente, necessita di essere utilizzato in maniera corretta da medici esperti e dalla comprovata esperienza.

Solo in questo modo si può evitare di incorrere in pruriti e fastidi dopo essersi sottoposti al trattamento. Ad esempio hai mai sentito parlare del prurito dopo laser diodo? Se verrai a trovarci, presso il nostro centro Laser Milano, ci avvaliamo dell”utilizzo di altre tecnologie laser, come ad esempio quello ad alessandrite.

Quest”ultimo infatti rappresenta il laser più adatto per un trattamento di depilazione definitiva, definito tale anche dalla letteratura scientifica e, per questo, quello che i nostri medici prediligono.

Infatti, un altro aspetto del laser a diodo, che non si può affatto trascurare è che, se utilizzato ad elevata potenza e da mani inesperte potrebbe causare delle bruciature. Non a caso, di recente, alcuni macchinari di questo tipo sono stati depotenziati proprio per evitare di correre questo rischio.

Tuttavia, questo depotenziamento, comporta una perdita inevitabile di efficacia di questa tecnologia, che non riesce a raggiungere gli stessi risultati di quello ad alessandrite ma che ottiene dei risultati più simili alla luce pulsata.

Prurito dopo luce pulsata? Scegli di sottoporti a un nostro trattamento di epilazione laser! Contattaci, oppure vieni direttamente a trovarci presso il nostro centro medico, per avere maggiori informazioni sui nostri servizi e prezzi!

In questo articolo, però, vogliamo parlarti anche di altre situazioni spiacevoli a cui potresti andare incontro nel caso in cui ti rivolgerai a medici inesperti e a centri medici con tecnologie laser non del tutto adatte al trattamento.

Iniziamo con il parlare del possibile gonfiore post laser. In quali casi si presenta? Scoprilo continuando a leggere il nostro articolo.

Gonfiore dopo epilazione laser.

Per evitare di provare sensazioni spiacevoli dopo un trattamento di epilazione laser, oltre che a consigliarti di rivolgerti solo ed eslcusivamente a esperti, ti consigliamo di prenderti cura della tua pelle dopo il trattamento.

Questo è molto importante per evitare che, nelle ore immediatamente successive alla seduta di depilazione, la tua pelle si gonfi o tu possa provare fastidio e prurito. Cosa del tutto normale in quanto la pelle, subito dopo essere stata sottoposta al laser, risulta essere inevitabilmente più sensibile.

depilazione laser prurito dopo il laser

Non risulta del tutto normale qualora il prurito o il gonfiore sussistano anche nei giorni successivi al trattamento. In questi casi, potrebbe presentarsi una reazione negativa della tua pelle al laser e, per questo motivo, ti consigliamo di contattare immediatamente un medico.

Follicolite dopo laser: è possibile? Come si può contrastare?

Devi sapere che la depilazione effettuata tramite tecnologia laser è altamente indicata per contrastare la follicolite e la comparsa di peli incarniti. Infatti, esistono alcune metodiche casalinghe, come ad esempio la ceretta e il rasoio, che ne favoriscono la comparsa.

Questo è molto difficile che accada con un trattamento laser, in quanto i macchinari e le tecnologie più avvanzate, agiscono sul bulbo pilifero eliminandolo alla radice.

Qualora dovessi notare la comparsa di peli incarniti dopo laser il nostro consiglio è quello di cambiare immediatamente centro in cui hai iniziato il percorso di trattamento laser.

Perché, se si presenta la follicolite dopo un trattamento il problema è da ricercarsi o nella mancata esperienza e competenza del medico o nei macchinari impiegati per la depilazione.

Conclusioni.

In conclusione, ti assicuriamo che se sceglierai di rivolgerti a un centro medico esperto, come il nostro, non rischierai di incorrere in effetti collaterali indesiderati come follicolite e peli incarniti, dopo un trattamento di epilazione laser.

Per quanto riguarda il prurito e il gonfiore post laser, se lievi e se scompaiono dopo qualche ora (massimo il giorno dopo) dal trattamento, non preoccuparti! Si tratta di una reazione del tutto normale della tua pelle all”azione del laser.

Potresti, ad esempio, applicare una crema lenitiva per far passare il prurito o del ghiaccioper sgonfiare la zona trattata. Il problema si presenta nel momento in cui gonfiore e prurito persistono anche diversi giorni dopo.

In questi casi ti consigliamo di rivolgerti immediatamente a un dermatologo o al tuo medico di fiducia.

Vuoi avere maggiori informazioni sui nostri trattamenti? Contattaci, oppure vieni a trovarci. Ci trovi a Milano in corso Buenos Aires, 64 e in corso Vercelli, 23. Ti aspettiamo!

Affidati agli specialisti Affidati agli specialisti

La prima consulenza è gratuita!

     
                 
     

LUCE PULSATA

Diversamente dai laser, la luce pulsata emette raggi ad ampio spettro non coerenti, quindi meno precisi. Quando utilizzata per rilasciare grandi quantità di energia può provocare ustioni. Tecnologicamente più elementare, ha però il grande vantaggio dell’economicità. Molte delle apparecchiature in commercio sono state depotenziate per motivi di sicurezza e non consentono niente di più che un rallentamento della ricrescita.

LASER A DIODO

Il laser a diodo, similmente a quello ad alessandrite, ha come bersaglio privilegiato la melanina. I diodi più potenti ottengono normalmente buoni risultati, tuttavia sono costretti ad arrendersi contro i peli più ostinati a causa del pericolo di ustione. Invece i diodi a bassa potenza sono delicati e veloci, ideali per il trattamento di aree vaste, ma non sono in grado di raggiungere i risultati ottenibili con l’alessandrite.

LASER ND:YAG

Il laser nd:yag si distingue per la capacità di penetrare sotto la cute in profondità interagendo non con la melanina, ma con i vasi sanguigni. Agendo sui capillari che nutrono i peli è quindi lo strumento più indicato per trattare senza controindicazioni le zone in cui il bulbo pilifero è situato in profondità e le pelli scure o abbronzate. Spesso si rivela perfettamente complementare rispetto al laser ad alessandrite.

LASER AD ALESSANDRITE

Il laser ad alessandrite colpisce con precisione la melanina contenuta nei peli. Rilasciando grandi quantità di energia in modo mirato, è quindi in grado di distruggere anche i peli più resistenti nel pieno rispetto dei tessuti circostanti. Per questo motivo la letteratura scientifica lo individua come il laser più indicato per la depilazione permanente. Tuttavia occorre prestare particolare cautela con le pelli scure o abbronzate.