Prenota ora il tuo VIDEO Checkup gratuito

Per appuntamenti: 0266989244

Rimozione tatuaggi: le caratteristiche dei tatuaggi più difficili da rimuovere

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
rimozione tatuaggi: quali sono quelli più difficili da eliminare

Stai pensando di sottoporti a un trattamento di rimozione tatuaggi? Scopri quali sono quelli più difficili da rimuovere.


Rimozione tatuaggi: quali si possono rimuovere?

Hai un tatuaggio che non ti piace più, che ti crea imbarazzo o che ti ricorda una persona del tuo passato e, per questo, vorresti sottoporti a un trattamento di rimozione tatuaggi?

Devi sapere che, tutti i tatuaggi possono essere rimossi, se ti rivolgerai a un centro medico esperto e ad un medico specializzato con una comprovata esperienza, come i medici del nostro centro Laser Milano.

Ci sono però alcuni tatuaggi che sono più difficili di altri da rimuovere, ma non impossibili. I fattori da considerare sono i seguenti:

  • dimensione del tatuaggio;
  • densità e profondità del pigmento;
  • fototipo del paziente;
  • da quanto tempo si possiede il tatuaggio;
  • colore del tatuaggio.

Scopriamo ora insieme quali sono i tatuaggi più semplici e quali quelli più difficili da rimuovere.

Rimozione tatuaggi: quali quelli più difficili da eliminare?

I tatuaggi che risultano essere più difficili da rimuovere sono:

  • quelli più colorati ed elaborati. In particolare, alcuni colori sono più complessi di altri, come ad esempio il colore bianco, anche nel caso in cui si tratti di un tatuaggio monocromatico;
  • quelli realizzati recentemente, per via della maggiore concentrazione di pigmento rispetto ad uno realizzato da più tempo;
  • quelli eseguiti con pigmenti professionali e quindi, maggiormente pigmentati:  più difficili perché il pigmento è presente in maggior profondità sulla pelle;
  • anche se non riguarda una caratteristica del tatuaggio, ma in questo caso del paziente, i tatuaggi realizzati su una pelle molto scura o olivastra sono più difficili da rimuovere, inoltre, si potrebbe incorrere il rischio di alterare la naturale pigmentazione cutanea.

Rimozione tatuaggi: quali quelli più semplici?

I tatuaggi più semplici da rimuovere sono:

  • quelli monocromatici, se realizzati con il colore nero o blu. Questo perché, i tatuaggi scuri rispondono meglio al trattamento di rimozione tatuaggi, ed è possibile eliminarli del tutto senza lasciare alcun segno. Come già accennato nel precedente paragrafo, non tutti i tatuaggi monocromatici sono semplici da rimuovere: ad esempio, quelli realizzati con un colore bianco o giallo sono estremamente difficili da eliminare;
  • quelli più “vecchi” e deteriorati perché la quantità di pigmento presente nel tatuaggio è inferiore rispetto a quelli realizzati più recentemente;

Rimozione tatuaggi cosmetici: è possibile?

Ovviamente è possibile procedere all’eliminazione del tatuaggio cosmetico, come ad esempio il contorno labbra o sopracciglia.

rimozione tatuaggi sopracciglia con laser

Anche per questi tatuaggi sarà necessario sottoporsi a più sedute. Sappi che per prima cosa sarà necessario far virare il colore al nero o al marrone, e poi proseguire al trattamento di rimozione.

Rimozione tatuaggi: si possono eliminare del tutto?

È vero: ci sono dei tatuaggi che sono più difficili da rimuovere di altri per cui necessitano di un trattamento più lungo e con più sedute, prima di riuscire ad ottenere i risultati sperati.

Però sì, si possono eliminare del tutto. Ovviamente il nostro consiglio è sempre quello di affidarti a medici esperti e competenti in materia di rimozione tatuaggi. Più un medico è bravo e specializzato, più hai la certezza di riuscire ad ottenere i risultati desiderati e ad ottenere la rimozione totale del tuo tatuaggio indesiderato.

Grazie ad alcune tecnologie laser sofisticate, come ad esempio il laser Nd:Yag Qswitched Revlite di Hoja Conbio, è possibile rimuovere il tatuaggio senza lasciare alcuna cicatrice, tramite la frantumazione dei pigmenti anche colorati.

Se vuoi avere maggiori informazioni sui nostri prezzi di rimozione tatuaggi, contattaci. Oppure vieni a trovarci presso il nostro centro Laser Milano in corso Buenos Aires  o in Corso Vercelli. Ti aspettiamo!

Conclusioni.

Hai un tatuaggio che desideri eliminare perché ti crea imbarazzo e disagio o, semplicemente, perché ti ha stancato?

Devi sapere che, grazie alle tecnologie più sofisticate, come il laser Nd:Yag Qswitched Revlite da noi utilizzato per il trattamento di rimozione tatuaggi, e grazie alla professionalità dei medici che eseguono il trattamento, è possibile eliminare anche i tatuaggi più difficili con ottimi risultati e senza alcuna cicatrice.

Se vuoi avere maggiori informazioni contattaci, avrai possibilità di eseguire un primo check-up totalmente gratuito!

Affidati agli specialisti

La prima consulenza è gratuita!

     
                 
     

LUCE PULSATA

Diversamente dai laser, la luce pulsata emette raggi ad ampio spettro non coerenti, quindi meno precisi. Quando utilizzata per rilasciare grandi quantità di energia può provocare ustioni. Tecnologicamente più elementare, ha però il grande vantaggio dell’economicità. Molte delle apparecchiature in commercio sono state depotenziate per motivi di sicurezza e non consentono niente di più che un rallentamento della ricrescita.

LASER A DIODO

Il laser a diodo, similmente a quello ad alessandrite, ha come bersaglio privilegiato la melanina. I diodi più potenti ottengono normalmente buoni risultati, tuttavia sono costretti ad arrendersi contro i peli più ostinati a causa del pericolo di ustione. Invece i diodi a bassa potenza sono delicati e veloci, ideali per il trattamento di aree vaste, ma non sono in grado di raggiungere i risultati ottenibili con l’alessandrite.

LASER ND:YAG

Il laser nd:yag si distingue per la capacità di penetrare sotto la cute in profondità interagendo non con la melanina, ma con i vasi sanguigni. Agendo sui capillari che nutrono i peli è quindi lo strumento più indicato per trattare senza controindicazioni le zone in cui il bulbo pilifero è situato in profondità e le pelli scure o abbronzate. Spesso si rivela perfettamente complementare rispetto al laser ad alessandrite.

LASER AD ALESSANDRITE

Il laser ad alessandrite colpisce con precisione la melanina contenuta nei peli. Rilasciando grandi quantità di energia in modo mirato, è quindi in grado di distruggere anche i peli più resistenti nel pieno rispetto dei tessuti circostanti. Per questo motivo la letteratura scientifica lo individua come il laser più indicato per la depilazione permanente. Tuttavia occorre prestare particolare cautela con le pelli scure o abbronzate.