Epilazione laser e cuoio capelluto: missione possibile?

È possibile effettuare l’epilazione laser sul cuoio capelluto?


Da una parte ci sono sempre più uomini che ricorrono a delle cure mediche per bloccare o perlomeno rallentare la caduta dei capelli, così da poter contare più a lungo su una folta chioma. Dall’altra parte, invece, stanno via via aumentando anche gli uomini che decidono non solo di mantenere perfettamente rasata la propria testa, ma di avvantaggiarsi con un trattamento di epilazione laser.

Ma perché un uomo dovrebbe decidere di eliminare tutti i propri capelli – una volta per tutte – con l’epilazione laser?

Perché scegliere l’epilazione laser del cuoio capelluto?

Uno dei primi motivi per i quali un uomo potrebbe decidere di approfittare dell’epilazione laser per avere una testa perfettamente liscia giorno dopo giorno potrebbe essere la crescente fortuna che le teste rasate hanno nei confronti dell’universo femminile.

Crescono infatti di anno in anno le donne che vedono negli uomini che sfoggiano in questo look una maggiore mascolinità, nonché una più accentuata pulizia e maturità.

epilazione laser per il cuoio capelluto: necessità per non usare il rasoio o segno di virilità?

Immagine tratta da qnm.it

Più nel concreto, va sottolineato che sono tanti gli uomini che, posti di fronte alla perdita dei capelli, decidono di dare un taglio netto, e quindi di passare regolarmente il rasoio sulla propria testa. Questo, però, non è un procedimento davvero veloce, né facilissimo e indolore.

Non è infatti raro ritrovarsi con dei piccoli taglietti o con delle irritazioni a rasatura terminata. L’epilazione laser permette invece di dimenticarsi del rasoio, e di lasciarsi alle spalle anche tutti i piccoli incidenti che esso comporta.

Epilazione laser capelli: come funziona?

Quella della testa rasata è dunque una scelta di stile apprezzata, la quale però, con i metodi classici, può essere poco agevole e marcatamente time consuming. Molto meglio, dunque, approfittare dell’epilazione laser del cuoio capelluto, potendo contare sul fatto per il quale i nostri capelli, nella maggior parte dei casi, si trovano nella fase anagen, e dunque nel periodo perfetto per essere sottoposti a questo trattamento.

Va ricordato che ogni pelo è contraddistinto da un ciclo di vita distinto in tre fasi diverse. Ecco quali:

  • la fase anagen (ovvero la fase di crescita)
  • la fase catagen (durante la quale la crescita si ferma)
  • la fase telogen (che segna il distaccarsi del pelo, tendenzialmente spinto fuori dal follicolo da un nuovo pelo in via di formazione).

Questo susseguirsi di fasi diverse influenza in modo concreto il trattamento di epilazione laser.

Pensiamo nello specifico al laser ad Alessandrite e al laser a diodi: in entrambi i casi i peli che possono essere effettivamente colpiti sono quelli che si trovano nella fase di crescita attiva, ovvero, per l’appunto, la fase anagen.

Durante questo periodo, infatti, il fusto del pelo è connesso alla perfezione, e la presenza di melanina è particolarmente accentuata, entrambi fattori che permettono al laser di effettuare a dovere il proprio lavoro, colpendo il follicolo ed eliminando la possibilità di ricrescita.

Trovandosi i capelli nella maggior parte dei casi in piena fase anagen, l’epilazione del cuoio capelluto è un procedimento che offre fin da subito dei buoni risultati, anche se va detto che le performance sono sensibilmente migliori in caso di individui con capelli scuri e pelle chiara.

Epilazione laser del cuoio capelluto: a cosa stare attenti

Va prima di tutto sottolineato il fatto che quella di procedere con l’epilazione laser della testa è una scelta da soppesare molto bene. Una volta effettuato il trattamento infatti, non si può tornare indietro, pensando magari di sottoporsi a delle terapie per combattere la caduta dei capelli. Chi si sottopone all’epilazione laser, dunque, non deve avere dubbi sul look che vorrà sfoggiare per gli anni a venire.

Va poi sottolineato il fatto che il cuoio capelluto, durante il periodo del trattamento, sarà particolarmente sensibile. Tra una seduta e l’altra, dunque, il nostro consiglio è quello di stare particolarmente attenti a questo aspetto, proteggendo la propria pelle con delle creme solari ad alta protezione e, in caso di esposizione prolungata, con dei comodi cappelli.


Affidati agli specialisti

La prima consulenza è sempre gratuita!