Menu

Per appuntamenti: 0266989244

Rimozione tatuaggi: i rischi dei trattamenti casalinghi fai da te

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
rimozione tatuaggi e i rischi che potresti correre con dei rimedi casalinghi fai da te

Vuoi effettuare un trattamento di rimozione tatuaggi a casa? Attenzione! I trattamenti casalinghi fai da te sono pericolosi. Ecco perché.


È possibile effettuare un trattamento di rimozione tatuaggi a casa?

Da un po’ di tempo stai pensando di ricorrere a un trattamento di rimozione dei tatuaggi che non ti piacciono più, e hai letto su Internet che è possibile farlo ricorrendo a dei metodi casalinghi.

Attenzione! Oltre che a rivelarsi fallimentari, spesso queste tecniche sono pericolose e potrebbero apportare dei danni alla tua pelle. Se vuoi eliminare un tattoo è meglio rivolgerti alle cliniche mediche specializzate in questi trattamenti, come il nostro centro di rimozione tatuaggi a Milano.

La tecnica del sale, l’utilizzo di acido tricloroacetico, creme che promettono risultati miracolosi, l’utilizzo del ferro da stiro o della piastra per capelli sono tutti rimedi fai da te molto pericolosi.

Ecco quali sono i principali rischi a cui potresti incorrere affidandoti a uno di questi trattamenti.

Rimozione tatuaggi con il sale: quali sono i rischi?

Una delle tecniche casalinghe di rimozione tatuaggi più consigliate sul web è la tecnica del sale.

La salabrasione è un trattamento molto antico che consiste nello sfregamento della zona tatuata con il sale.

Devi sapere che la tua pelle è composta da due strati: il derma e l’epidermide. Il derma è la parte più profonda mentre l’epidermide è quella più superficiale. Quando ti tatui, l’inchiostro penetra in entrambi gli strati.

Questo metodo non considera però il fatto che rimuovere il tatuaggio con il sale è piuttosto pericoloso. Ecco perché:

  • Quando strofinerai sul tatuaggio che vuoi eliminare andrai a strofinare la parte più esterna della pelle. È infatti molto difficile che tu riesca ad arrivare al derma. Ma qualora ci riuscissi causeresti solamente delle infiammazioni alla tua pelle oltre che a non ottenere il risultato sperato.
  • Strofinando il sale sul tatuaggio ti causerai un’escoriazione che può portare a un’insorgenza di pigmentazioni e cicatrici sulla tua pelle.

L’unico risultato che riuscirai ad ottenere con questo trattamento sarà una pelle irritata, nonché maggiormente esposta a infezioni.

la tecnica del sale è un rimedio casalingo fai da te di rimozione tatuaggi

La tecnica del sale non è l’unico trattamento pericoloso consigliato sul web per la rimozione dei tatuaggi.

Rimozione tatuaggi con l’acido tricloroacetico: quali sono i rischi?

Un altro rimedio casalingo per la rimozione dei tatuaggi è quello di ricorrere all’utilizzo dei kit fai-dai-te di acido tricloroacetico.

Si tratta di una tecnica altamente pericolosa da utilizzare senza i consigli di un esperto.

Questi kit fai da te non sono consigliabili perché:

  • Durante l’utilizzo di acido tricloroacetico sulla tua pelle proverai una sensazione di bruciore, intorpidimento e di pizzicore.
  • Durante la procedura si potrebbero presentare dei gonfiori.
  • L’utilizzo di acido tricloracetico può causare danni a lungo termine.

Acquistare questo prodotto è oggi giorno molto semplice, in quanto è facilmente reperibile anche online.

Diffida da chi ti consiglia di ricorrere a questa tecnica. Se hai bisogno di informazioni su come rimuovere il tuo tatuaggio in maniera sicura ed efficace scrivici.

Rimozione tatuaggi con crema: funziona davvero?

La rimozione dei tatuaggi con delle creme apposite è una tecnica meno dannosa rispetto alle precedenti ma del tutto inefficace. In commercio si trovano sempre di più delle creme che promettono risultati miracolosi in poche settimane.

Queste creme vengono acquistate perché rappresentano una soluzione alternativa più conveniente rispetto a un trattamento con il laser.

Anche se questo metodo non comporta chissà quali rischi, la sua efficacia è molto improbabile. Non dovresti ricorrere all’utilizzo di queste creme perché:

  • Sono prodotti dal costo elevato che promettono risultati solo se applicati con costanza e per periodi di tempo molto lunghi (dai 3 ai 9 mesi).
  • Non sono efficaci come i trattamenti medici.
  • Si tratta comunque di un prodotto cosmetico con agenti chimici e quindi andrebbe usato con cautela.

Alla fine di questo trattamento ti accorgerai infatti non solo di non aver ottenuto il risultato tanto sperato, ma di aver anche speso inutilmente i tuoi soldi.

Conclusioni.

Utilizzare uno di questi o altri metodi casalinghi fai da te per rimuovere un tatuaggio indesiderato è molto pericoloso. Non dovresti sottovalutare i rischi che l’uso di queste tecniche potrebbero causare alla tua pelle.

Se non vuoi incorrere a cicatrici, lesioni cutanee, abrasioni, infezioni e irritazioni è meglio che tu ricorra alla chirurgia medica.

A oggi il rimedio più sicuro ed efficace di rimozione dei tatuaggi è la tecnologia laser. Potrebbe essere più costosa rispetto ai trattamenti casalinghi sopraccitati ma sicuramente è la scelta migliore che tu possa fare per la tua salute.

Se vuoi avere maggiori informazioni a riguardo o richiedere un preventivo personalizzato non esitare a contattarci: saremo lieti di fornirti una visita preliminare gratuita per valutare il trattamento più idoneo per il tuo caso.

Affidati agli specialisti Affidati agli specialisti

La prima consulenza è gratuita!

     
                 
     

LUCE PULSATA

Diversamente dai laser, la luce pulsata emette raggi ad ampio spettro non coerenti, quindi meno precisi. Quando utilizzata per rilasciare grandi quantità di energia può provocare ustioni. Tecnologicamente più elementare, ha però il grande vantaggio dell’economicità. Molte delle apparecchiature in commercio sono state depotenziate per motivi di sicurezza e non consentono niente di più che un rallentamento della ricrescita.

LASER A DIODO

Il laser a diodo, similmente a quello ad alessandrite, ha come bersaglio privilegiato la melanina. I diodi più potenti ottengono normalmente buoni risultati, tuttavia sono costretti ad arrendersi contro i peli più ostinati a causa del pericolo di ustione. Invece i diodi a bassa potenza sono delicati e veloci, ideali per il trattamento di aree vaste, ma non sono in grado di raggiungere i risultati ottenibili con l’alessandrite.

LASER ND:YAG

Il laser nd:yag si distingue per la capacità di penetrare sotto la cute in profondità interagendo non con la melanina, ma con i vasi sanguigni. Agendo sui capillari che nutrono i peli è quindi lo strumento più indicato per trattare senza controindicazioni le zone in cui il bulbo pilifero è situato in profondità e le pelli scure o abbronzate. Spesso si rivela perfettamente complementare rispetto al laser ad alessandrite.

LASER AD ALESSANDRITE

Il laser ad alessandrite colpisce con precisione la melanina contenuta nei peli. Rilasciando grandi quantità di energia in modo mirato, è quindi in grado di distruggere anche i peli più resistenti nel pieno rispetto dei tessuti circostanti. Per questo motivo la letteratura scientifica lo individua come il laser più indicato per la depilazione permanente. Tuttavia occorre prestare particolare cautela con le pelli scure o abbronzate.