Rimozione tatuaggi: pro e contro dei metodi naturali

Tutti i metodi naturali per la rimozione tatuaggi ed il confronto con la tecnologia laser.


Rimozione tatuaggi: laser o metodi naturali?

Le persone che desiderano avviare un trattamento per la rimozione tatuaggi aumentano giorno dopo giorno. Quegli stessi tatuaggi che qualche anno prima erano stati motivo di orgoglio, di felicità e di vanto, si trasformano talvolta in qualcosa capace di mettere concretamente a disagio chi, in uno slancio di entusiasmo, aveva deciso di tatuarsi nel passato.

Da qui, dunque, la decisione di cancellare il tattoo, così da eliminare anche l’imbarazzo e poter vivere più serenamente la propria vita, sia a livello professionale che sociale. Ma quale tecnica scegliere per la rimozione tatuaggi? Come è noto, al fianco della più efficace rimozione attraverso il laser ci sono svariati metodi naturali, i quali ovviamente consentono un concreto risparmio economico.

Ma è davvero possibile arrivare a dei risultati concreti con queste tecniche? E la ‘naturalità’ di questi metodi, è davvero una garanzia di salute per la nostra pelle? Andiamo a vedere nel dettaglio queste tecniche, esaminandone singolarmente i pro e i contro.

Abrasione con il sale

Come è noto, prima dell’avvento della rimozione tatuaggi con laser, il metodo più diffuso per eliminare dei tattoo consisteva nella dermoabrasione, effettuata sotto anestesia locale nelle cliniche specializzate. I metodi naturali, di fatto, si poggiano tutti sul medesimo principio abrasivo, utilizzando però per l’appunto degli ingredienti del tutto naturali e utilizzabili a livello domestico. Il più famoso tra tutti è quello che prevede l’utilizzo del sale.

Il concetto è piuttosto semplice: basta radere l’area del tatuaggio, mescolare del normalissimo sale da cucina con dell’acqua e applicare questa soluzione direttamente sulla pelle, iniziando a massaggiare energeticamente la parte interessata.

In questo modo è possibile eliminare via via i strati superficiali di pelle: il dolore, ovviamente, è una parte inevitabile di questo processo. Ogni seduta dovrebbe durare circa mezzora, e prevede di concludersi con una pulizia certosina della pelle trattata e con il successivo bendaggio, per ripetere poi l’operazione dopo alcuni giorni.

Questo metodo è certamente economico, ed è pensato per essere effettuato a casa propria. Va però sottolineato che si tratta di un trattamento doloroso, poco efficace e molto, molto lungo.

Aloe Vera e Paederia Tomentosa

Quando si parla di metodi naturali per la cura della pelle, l’Aloe Vera è sempre presente. Questo vale anche per la rimozione naturale dei tatuaggi: in questo caso l’Aloe Vera va associata a della Paederia Tomentosa e a della vitamina E (da acquistare eventualmente in capsule, per poi macinarle e ridurle in polvere).

Anche in questo caso, si procede per abrasione, mescolando i tre ingredienti e massaggiando circolarmente la pelle tatuata per almeno dieci minuti, meglio se al termine di una doccia calda, nel momento in cui i pori sono ben aperti.

rimozione tatuaggi: meglio il laser o i metodi naturali e casalinghi? scopri tutti i pro e i contro di questi metodi

Questo metodo è meno aggressivo del precedente, ma i risultati, anche in questo caso, sono ben lontani dall’essere veloci e soddisfacenti: dopo numerose sedute si potrà notare tutt’al più uno progressivo sbiadimento del tatuaggio.

Pietra abrasiva e sabbia

Questo metodo naturale per la rimozione dei tatuaggi prevede l’utilizzo della classica pietra in pomice accoppiata a della polvere di sabbia. In questo caso l’abrasione diventa particolarmente dolorosa, lasciando, alla fine del trattamento, la pelle estremamente debole, irritata e sensibile. Anche in questo caso, sono necessarie tantissime sedute per poter scorgere dei risultati.

Rimedi naturali per la rimozione tatuaggi vs laser

Esistono molti metodi naturali per rimuovere i tatuaggi, ma nessuno di loro può offrire l’efficacia di un trattamento effettuato con il laser. Rivolgendosi ad una clinica specializzata è possibile infatti accedere ad un check up iniziale, durante il quale verrà definito nel dettaglio il tipo di procedura laser da seguire per eliminare totalmente il tatuaggio.

Il risultato in questo caso è garantito, il dolore è ridotto al minimo – del tutto assimilabile a quello provato durante la realizzazione del tatuaggio – e si potrà cancellare il tattoo senza la comparsa di antiestetiche cicatrici dovute alla continua abrasione della pelle.

E non è tutto qui: procedendo con dei metodi naturali a livello domestico esiste il rischio concreto di incorrere in gravi e dolorose infezioni della pelle, le quali possono compromettere in modo importante la vita quotidiana di chi voleva semplicemente eliminare un tatuaggio.

Rivolgendosi ad un centro sanitario specializzato nell’utilizzo del laser, come il nostro centro medico di rimozione tatuaggi a Milano, si ha invece la certezza di poter contare sulle competenze e le cure di un team di operatori preparati ed esperti.


Affidati agli specialisti

La prima consulenza è sempre gratuita!