Ipertricosi: tutto quello che devi sapere | Laser Milano

Ipertricosi: tutto quello che devi sapere su questa spiacevole condizione

È una condizione causata da diversi fattori che può provocare un certo disagio: c’è comunque il modo di risolvere o ridimensionare il problema

L’ipertricosi è una condizione che causa una crescita eccessiva di peli sul corpo e sul viso. Si può manifestarsi in entrambi i sessi e a tutte le età e va distinto dall’irsutismo, la condizione per cui nelle donne cresce della peluria in aree tipicamente maschili.

L’ipertricosi può essere congenita oppure acquisita. La forma congenita, piuttosto rara, è spesso legata a mutazioni genetiche o a condizioni ereditarie, vedi la sindrome del “lupo mannaro” o sindrome di Ambras.
L’ipertricosi acquisita può svilupparsi a causa dell’uso di alcuni farmaci e di malattie sistemiche come la sindrome dell’ovaio policistico e il morbo di Cushing.

Quali sono le cause dell’ipertricosi e come si fa la diagnosi

Le cause dell’ipertricosi, come accennato, possono essere diverse. Se le forme congenite di ipertricosi possono derivare da rare condizioni genetiche, l’ipertricosi acquisita, d’altra parte, può essere causata dall’uso di farmaci come il minoxidil, usato per trattare l’ipertensione e la perdita dei capelli, che può avere effetti collaterali spiacevoli come l’eccessiva crescita dei peli. Altri farmaci che possono causare l’ipertricosi sono i corticosteroidi, alcuni antibiotici, farmaci antinfiammatori, vasodilatatori, diuretici, anticonvulsivanti e immunosoppressori.

La diagnosi dell’ipertricosi parte dalla valutazione dei sintomi riferiti dal paziente, analizzando soprattutto l’estensione e la distribuzione dei peli lungo il corpo. Ci sono poi altri segnali che possono far presagire l’ipetricosi, come l’alopecia androgenetica, l’acne, le dermatiti, e le macchie della pelle, che potrebbero indicare condizioni sottostanti più gravi​

L’iter diagnostico valuta anche l’anamnesi personale e familiare del paziente, che aiuta a identificare possibili cause genetiche o legate allo stile di vita e se l’uso di farmaci può aver causato l’ipertricosi. Per approfondire, il medico può prescrivere esami del sangue, analisi delle urine, dosaggi ormonali, visite ginecologiche, e imaging pelvico o addominale in modo da capire qual è la causa scatenante del problema.

Leggi anche: Come ritardare la ricrescita dei peli: il metodo definitivo

Come si tratta l’ipertricosi?

Il trattamento dell’ipertricosi cambia a seconda delle cause che l’hanno provocato e della gravità della condizione. Spesso, è necessario consultare più specialisti e prendere in considerazione non solo i trattamenti medici, ma anche quelli estetici.

Se l’ipertricosi è dovuta a squilibri ormonali, come la sindrome dell’ovaio policistico o fluttuazioni ormonali durante la gravidanza o la menopausa, il medico può prescrivere una terapia ormonale per normalizzare i livelli di ormoni androgeni o altri tipi di trattamenti medici.

Per quanto riguarda invece i trattamenti estetici, esistono diverse tecniche per rimuovere i peli superflui: rasatura, epilazione, ceretta, uso di creme depilatorie, tutte soluzioni temporanee che possono “tamponare”, ma non risolvere, il problema dell’ipertricosi.

Esistono invece soluzioni a lungo terminine come i vari tipi di trattamenti laser, come il laser Nd:YAG, il laser Alexandrite e il laser a diodi.

Immagine evocativa donna che rimuove i peli | Laser Milano

Perché scegliere l’epilazione laser per trattare l’ipertricosi

L’epilazione laser è il metodo di depilazione più indicato per l’ipertricosi. A differenza dei metodi tradizionali come rasatura, ceretta o depilazione chimica, l’epilazione laser offre risultati a lungo termine, perché riduce la densità dei peli superflui.

L’epilazione laser è molto utile a chi soffre di ipertricosi: essendo selettiva, può elminare i peli più scuri e spessi senza danneggiare la pelle circostante, il che rende questo trattamento una scelta sicuro ed efficace per la maggior parte delle aree del corpo, inclusi volto, braccia, gambe e schiena. La maggior parte dei pazienti sperimentano una riduzione permanente dei peli dopo solo poche sedute, con effetti collaterali minimi come lieve arrossamento o gonfiore.

L’epilazione laser, quindi, offre una soluzione duratura al problema dell’ipertricosi con un trattamento poco invasivo, migliorando la qualità della vita delle persone affette da questo problema.

Leggi anche: A cosa servono i peli davvero? Facciamo chiarezza

In conclusione

L’ipertricosi è una condizione caratterizzata dalla crescita eccessiva dei peli sul corpo e sul viso che può creare un forte disagio. Le cause di questa condizione sono diverse e vanno dalle mutazioni genetiche, nelle forme congenite, all’effetto collaterale di farmaci o malattie sistemiche, nelle forme acquisite. La diagnosi di ipertricosi richiede un’anamnesi del paziente, i sintomi, e talvolta richiede l’esecuzione di esami specifici per identificare la causa scatenante.

I trattamenti per l’ipertricosi variano in base alla causa sottostante e alla gravità della condizione, e vanno dalle terapie ormonali, per correggere eventuali squilibri, ai metodi estetici per la rimozione dei peli. Tra questi, l’epilazione laser è la soluzione più efficace e duratura: riduce infatti la densità e la visibilità dei peli in modo selettivo, una svolta per chi affronta il disagio dell’ipertricosi. La gestione di questa condizione richiede quindi un approccio multidisciplinare, volto a trattare non solo i sintomi ma anche le cause alla base del problema, garantendo ai pazienti una soluzione personalizzata e, soprattutto, efficace.

Takeaways

  • L’ipertricosi, che comporta una crescita eccessiva di peli sul corpo e sul viso, può derivare da una varietà di cause. Le forme congenite sono spesso legate a mutazioni genetiche o condizioni ereditarie, mentre le forme acquisite possono essere scatenate dall’uso di certi farmaci o da condizioni sistemiche come la sindrome dell’ovaio policistico e il morbo di Cushing. Questa diversità nelle cause sottolinea l’importanza di un approccio diagnostico personalizzato e accurato;
  • Diagnostica dell’ipertricosi richiede un’attenta valutazione dei sintomi, dell’anamnesi personale e familiare del paziente, e talvolta l’uso di esami specifici come analisi del sangue e imaging. Questo processo evidenzia la complessità nella determinazione della causa sottostante e la necessità di un approccio olistico e multidisciplinare alla cura del paziente;
  • Il trattamento dell’ipertricosi varia ampiamente a seconda della causa sottostante e può includere terapie ormonali per squilibri ormonali o metodi estetici per la rimozione dei peli. L’importanza di un piano di trattamento personalizzato è fondamentale, poiché ciò che funziona per un individuo potrebbe non essere efficace per un altro;
  • Tra le varie opzioni di trattamento estetico, l’epilazione laser emerge come una delle più efficaci per l’ipertricosi, offrendo risultati a lungo termine nella riduzione della densità dei peli. Questa tecnica sottolinea il progresso nella gestione dell’ipertricosi, offrendo una soluzione meno invasiva e con minori effetti collaterali rispetto ai trattamenti tradizionali;
  • L’ipertricosi può avere un impatto significativo sulla qualità della vita, causando disagio e imbarazzo. La disponibilità di trattamenti efficaci, come l’epilazione laser, rappresenta una svolta per coloro che vivono con questa condizione. È cruciale, quindi, affrontare non solo i sintomi ma anche le cause profonde dell’ipertricosi, offrendo ai pazienti soluzioni che migliorano il benessere psicofisico.

Domande frequenti

Quali sono le cause dell’ipertricosi e come si fa la diagnosi?

Le cause dell’ipertricosi possono variare da condizioni genetiche a effetti collaterali di farmaci come il minoxidil. La diagnosi inizia con una valutazione dei sintomi, analisi della distribuzione dei peli, e può includere esami del sangue, analisi delle urine, dosaggi ormonali, visite ginecologiche, e imaging per identificare la causa sottostante.

Come si tratta l’ipertricosi?

Il trattamento varia in base alle cause, potendo includere terapie ormonali o metodi estetici come rasatura, epilazione, ceretta, creme depilatorie, e trattamenti laser. L’epilazione laser, in particolare, offre risultati a lungo termine nella riduzione della densità dei peli.

Perché scegliere l’epilazione laser per trattare l’ipertricosi?

L’epilazione laser è raccomandata per l’ipertricosi perché offre risultati a lungo termine, riducendo la densità dei peli in modo selettivo senza danneggiare la pelle circostante. Questo metodo è efficace per la maggior parte delle aree del corpo e comporta minori effetti collaterali rispetto ai metodi tradizionali.